da Sambenedettoggi.it in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Quattro partite che diranno molto sul prossimo futuro: risalire o affondare. La Samb, dopo la seconda sconfitta interna della stagione, si appresta a vivere uno dei momenti chiave di questo primo scorcio di campionato.
Tre trasferte e un solo incontro davanti al pubblico amico: calendario durissimo. I precedenti – un solo punto nei tre viaggi fuori le mura, quello guadagnato a Martina Franca – non incoraggiano. Dopo Arezzo i rossoblu riceveranno la visita del Crotone, poi, nello spazio di quattro giorni, per Tinazzi e soci due impegni lontano dal Riviera delle Palme, a Pistoia e a Gallipoli. A inizio novembre insomma, avremo il verdetto: Samb fuori dalla crisi oppure con un piede nel baratro.
Nel frattempo bisogna preparare la trasferta di Arezzo, uno snodo cruciale della stagione. Vanno puntellati morale e classifica, ma soprattutto occorrerebbe mettere a tacere i primi mugugni – forse qualcosa in più – della piazza, arrabbiata per l’avvio altalentante nell’attuale campionato.
NOTIZIARIO. Torna a riempirsi l’infermeria rossoblu: alla ripresa degli allenamenti mister Ugolotti ha dovuto fare a meno di diversi giocatori. Stillo, ancora alle prese con la contrattura alla coscia destra rimediata la scorsa settimana, dovrebbe tornare a sudare tra mercoledì e giovedì, mentre Galeotti – assente domenica per squalifica – è rimasto a riposo per la febbre.
A parte hanno lavorato Romanelli e Marino, alle prese con fastidi muscolari che si dovrebbero risolvere in un paio di giorni. Ha invece lavorato regolarmente Fabio Alteri. L’attaccante romano, tenuto precauzionalmente a riposo contro il Perugia, a meno di imprevisti sarà disponibile per la delicata trasferta di Arezzo.
Nel pomeriggio di martedì la squadra si è allenata a Controguerra, per la giornata odierna invece sono previste due sedute. Razione doppia anche per mercoledì.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 479 volte, 1 oggi)