SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «La chiusura dell’Arena Surgelati di Grottammare si somma alla situazione della Food Invest di Porto d’Ascoli (l’ex Surgela, ndr), che sembra non aver raccolto le concrete proposte di agevolazioni fatte dal Comune a settembre». E’ Giovanni Gaspari a dirlo: permane il malcontento dei lavoratori presso l’azienda di Aristide Malavolta, anche dopo la proposta di riduzione sulle tasse comunali e di aiuto nella gestione degli ingenti costi idrici.
Un appello del Comune che l’azienda non avrebbe minimamente raccolto. E’ la crisi del settore agroindustriale, che dà lavoro ancora a molte persone e che preoccupa non poco la politica locale.
Giovedì in Comune si terrà un primo tavolo di discussione fra Regione, Provincia, sindacati, vertici del Centro Agroalimentare e del comitato di coordinamento del Distretto Agroindustriale.
Una crisi di settore peraltro contraddittoria, che investe molte ma non tutte fra le aziende locali. E proprio un tavolo fra istituzioni e aziende sarà il prossimo annunciato appuntamento del tentativo di uscire dalla crisi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.189 volte, 1 oggi)