da Sambenedettoggi.it in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – È stato presentato dalla Regione Marche il progetto europeo Neptune. Il progetto ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere la cultura dell’Adriatico, coinvolgendo diversi settori dell’attività regionale: turismo, cultura, pesca e politiche comunitarie. Esso prevede, attraverso un budget totale di 489.500 euro, operazioni di conservazione e promozione del patrimonio ideale e materiale della civiltà marinara adriatica. «Questo nuovo progetto – ha detto l’assessore regionale alla Cultura Luigi Minardi –consente di attrarre risorse nuove dall’Unione Europea e dare quindi ulteriore slancio all’azione della Regione Marche in campo culturale».
La conservazione si realizza nel supporto alle strutture museali, fra cui il Museo della Pesca e della Civiltà marinara di San Benedetto, luoghi dove la popolazione, specie quella giovane, può riconoscere le proprie origini, la propria storia. Parte del programma sarà anche l’organizzazione di una mostra sulla cultura adriatica con due allestimenti, uno nelle Marche e l’altro in Croazia, e altre esposizioni virtuali, con una forte componente interattiva e tecnologica.
“Neptune” si caratterizza per essere un’operazione non esclusivamente culturale ma anche economica. Dalla fase di riconoscimento culturale il progetto si articola in un percorso che ha lo scopo di promuovere il pescaturismo e l’ittiturismo.
«Sono esperienze – sottolinea Paolo Pettini, assessorato regionale Pesca e Politiche Comunitarie – che permettono un approccio alla cultura marinara attraverso la condivisione delle attività di pesca nelle nostre imbarcazioni».
Oltre alla Regione Marche, capofila del progetto, partecipano il Museo della Marineria di Cesenatico, il Comune di Molfetta, il gruppo europeo d’interesse economico Marco Polo System di Venezia, l’Associazione sistema museale della provincia di Ancona, le province di Macerata, Pesaro e Urbino, Ascoli Piceno, il Museo del patrimonio culturale di Hvar (HR), l’Università di Spalato-Facolta` di Filosofia, la Prefettura di Durazzo e la Regione albanese di Scutari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 430 volte, 1 oggi)