da Sambenedettoggi.it in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’immigrazione e aiutare il processo di inserimento degli immigrati all’interno della nostra provincia. Queste le ragioni che hanno portato all’istituzione del Master universitario di primo livello in “Studi migratori e politiche per i migranti”, attivato grazie alla collaborazione tra la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Macerata, il Consorzio Universitario Piceno e la Provincia di Ascoli Piceno, per l’anno accademico 2007/2008, di durata annuale, con l’acquisizione di 60 Crediti Formativi Universitari, pari a 1500 ore di impegno complessivo.
Alla presentazione del master e alla firma del protocollo di intesa tra l’amministrazione provinciale di Ascoli Piceno e l’Università di Macerata, avvenute nella giornata di ieri martedì 9 ottobre, presso la sede del Centro Polivalente per l’Immigrazione, Palaidea Coop, di Porto d’Ascoli, hanno preso parte il presidente della Provincia Massimo Rossi, l’assessore provinciale alle Politiche Sociali Licia Canigola e il preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Macerata, il professore Vitantonio Gioia.
Il Master si presenta come una svolta per le politiche di accoglienza dell’immigrato, perché per la prima volta il Centro per l’Immigrazione vede il supporto di un’istituzione importante quale quella dell’Università degli Studi di Macerata, che ha il ruolo di accompagnare il Centro in percorsi formativi, nonché di aiutarlo nella raccolta dei dati concernenti l’immigrazione, fenomeno sempre crescente nel nostro territorio.
Il Master, tenuto dal professore Uoldelul Chelati Dirar, si rivolge a operatori del settore dell’immigrazione, insegnanti interessati a conseguire una qualificazione professionale specifica per poter svolgere un ruolo di rilievo nel mondo dell’immigrazione e a studenti interessati a sviluppare progetti di ricerca nel settore e si articola in un pacchetto formativo iniziale comune che si diversificherà in seguito in tre settori: scuola, sanità e formazione-lavoro. Ha un costo di 1500 euro e prende il via il 16 novembre presso il Centro Polivalente per l’Immigrazione.
L’accordo tra la Provincia di Ascoli Piceno e l’Università di Macerata ha portato anche alla proposta di una giornata di studi sui processi migratori, fissata per il 30 novembre e tesa a sottolineare l’importanza della rappresentazione mediatica dei migranti nel processo di costruzione dell’immaginario collettivo. La sede in cui si svolgerà la giornata di studi non è stata ancora decisa.
Questi progetti nascono affinché «la presenza degli immigrati nel nostro territorio – ha spiegato Massimo Rossi – continui ad essere ben inserita[…] La provincia ha già da tempo cercato di connotarsi come una provincia del mondo. Le scelte fatte, dunque, devono tener conto di una realtà globale».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 818 volte, 1 oggi)