SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sulla riqualificazione del lato est di viale De Gasperi molti residenti la pensano come Sinistra Democratica. Trascurando l’ovvia contestazione sulla natura double face del viale una volta conclusi i lavori, la critica principale riguarda l’ordine delle idee del Comune. Fare prima i lavori e poi pensare (oppure non pensare) alle modifiche della viabilità e dei parcheggi viene considerata una scelta errata, quasi paradossale.

«Erano più di quaranta le persone che hanno espresso il loro dissenso sul progetto che è stato scelto, e scommetto che ce ne saranno ben di più all’assemblea pubblica con l’amministrazione comunale che contiamo di organizzare per il 18 ottobre all’auditorium di viale De Gasperi», dice Antonio Alfonsi, presidente del comitato di quartiere Sant’Antonio, portavoce per l’occasione anche del quartiere Albula centro.

Parcheggi solo per i residenti, piste ciclabili, e un pensierino alla chiusura di una corsia del viale: questi i desiderata dell’assemblea.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 835 volte, 1 oggi)