Italia, Russia, Nuova Zelanda, Messico, Louisiana. Sono solo alcune tappe dove apprezzare la novità del gusto o riscoprirne il ricordo.
Sulla scia di un passato glorioso di 15 anni, il Misus Fusion Restaurant si prepara questa sera a rivelare le sue carte. L’unione di tempo e spazio, a tavola.
Forti di un’amicizia ventennale e un rapporto di sintonia di vedute, i fratelli Giudici e i Di Cecco già da anni propongono alternative di cucina etnica, giapponese (Ristorante Mattia) e messicano (Chili Pepper). L’esperienza, la passione che li accomuna per i viaggi e un’inclinazione naturale alla sperimentazione hanno portato alla creazione di un progetto gastronomico assolutamente nuovo per la nostra zona.
La cucina Fusion, una passeggiata gastronomica fra diverse culture risiede nell’originalità nell’accostamento dei sapori.
Il nuovo Misus vuole dare la possibilità a chi voglia sperimentare sapori nuovi di non dover per forza spostarsi nelle grandi città italiane. Ma allo stesso chi ha già assaggiato questi piatti, magari in un viaggio, può riviverne l’emozione nel gusto. La scoperta e la riscoperta.
Ma la qualità dell’offerta si ritrova anche nelle proposte italianissime di pizza, filetto, pasta alla carbonara (lì i buongustai misurano l’abilità del cuoco).
Ad accompagnare il viaggio uno staff altamente qualificato, composto da professionisti d’eccezione: lo chef Marco Parise, Nedo di Fortunato, sommelier e il bartender Gino Calisse. Fino ad arrivare a maitre e camerieri che saranno in grado di consigliare gli abbinamenti di birra adatti ai piatti. Potreste scoprire che non solo il vino si accompagna bene sulle tavole, ma anche la birra, nelle sue innumerevoli declinazioni può riservare accostamenti particolarmente azzeccati.
L’estetica del locale, ristrutturato dall’architetto Stirro e giocata sul colore bianco, è un concepita come una tela su cui creare situazioni emozionali sempre diverse.
Dopo cena una programmazione tutta da scoprire trasformerà l’eclettico locale in American Bar, in collaborazione con radio locali e discoteche della Riviera.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.330 volte, 1 oggi)