da Sambenedettoggi.it in edicola

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Musical, che passione! Dal 4 ottobre partono le lezioni della Scuola di Musical di San Benedetto, guidata dai maestri Eugenia Brega e Paolo Clementi. Quest’anno la scuola si avvarrà della collaborazione dell’Istituto Musicale “A.Vivaldi”, nonché dell’assessorato alle Politiche Culturali del Comune e del Teatro delle Foglie. Il corso di musical verrà diviso in due sezioni: una di primo livello, frequentata dai nuovi allievi che si iscrivono per la prima volta, l’altra di secondo livello, dedicata agli allievi che hanno già concluso il primo anno di attività. Le ore di lezione settimanali saranno solo due per gli allievi del primo livello, e quattro per il secondo.

La retta, per gli iscritti, è di 165 euro l’anno (circa 20 euro mensili) ed è previsto uno sconto del 20% per le famiglie con secondo figlio. Il programma delle lezioni verterà sullo studio del canto, della recitazione, danza e tecniche del corpo mentre, nel secondo livello, è previsto lo studio e l’approfondimento delle tecniche di interpretazione teatrale.

«La Scuola di Musical si inserisce nel nuovo modo di concepire il Vivaldi – ha commentato l’assessore alla Cultura Margherita Sorge – secondo il mio parere l’istituto deve cercare di aprire le porte a nuove forme artistiche che coinvolgano un numero sempre maggiore di giovani. Vorrei che si creasse un’orchestra stabile che partecipi attivamente alla realizzazione dei musical dei prossimi anni». Alla fine dell’anno accademico, i ragazzi del secondo livello produrranno un piccolo spettacolo completo che andrà in scena nel mese di giugno, presso il nuovo Teatro Concordia. Secondo l’assessore Sorge, la struttura potrebbe essere pronta per gennaio 2008 e quindi completamente disponibile per il mese di maggio o giugno.

Tornando ai nuovi corsi – a cui possono aderire i ragazzi dai 14 anni in su – giovedì 4 ottobre saranno presentati presso l’Istituto Vivaldi, in via Giovanni XXIII: ovviamente la prima lezione sarà gratuita e lì si potrà decidere (senza alcun impegno) se continuare, portando a termine l’anno accademico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.037 volte, 1 oggi)