SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scenette niente male, in Comune, quando si parla di Viale De Gasperi. Se l’architetto Fanush mostra una futura mattonella, c’è l’ex assessore Giovanni Poli che la bagna per mostrarne la scivolosità. Mentre altri dicono che già da ora si rischia l’ospedale, calpestando il futuro Boulevard De Gasperì.
Nessuno però parla delle proboscidi di plastica che spuntano dallo spartitraffico: i tubi che dovevano portare calore dalla centrale termica abortita a Ponterotto fino ai palazzi del Boulevard. Resteranno ai posteri come opere di surrealismo inizio XXI secolo?
Intanto l’assessore Vesperini parla di «riconquista dei pedoni». Nobile intento, se non fosse per le marmitte fumose delle ore di punta. Boulevard De Gasperì anche a prova di polmoni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.122 volte, 1 oggi)