SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Con l’installazione di due nuove postazioni per bici, che consentiranno ai cittadini di utilizzare le due ruote per spostarsi nelle vie cittadine, anche San Benedetto e Pedaso aderiscono al progetto “C’entro in bici” promosso e sostenuto dalla Provincia di Ascoli con il contributo della Banca Popolare di Ancona e in collaborazione con le amministrazioni comunali interessate.

L’iniziativa è già attiva in 40 città italiane (tra cui Bologna, Cesena, Ferrara, Modena, Oristano, Padova, Roma, Trento e Verona) per un totale di quasi 1700 bici installate e oltre 21.000 fruitori. Richiedere l’utilizzo delle bici è molto semplice: l’utente dovrà registrarsi presso il proprio municipio e, dopo aver versato una piccola cauzione, riceverà un’apposita chiave, che rimarrà in suo possesso, per prelevare dalle rastrelliere collocate in punti strategici di tutte le città aderenti al progetto
(a San Benedetto il parcheggio vicino la stazione), una speciale bicicletta dotata di gomme piene e assemblata utilizzando bullonatura antifurto, cerchi e manubrio antiruggine.

Sulla rastrelliera è saldato il dispositivo di agganciamento e riconoscimento della bicicletta. La chiave, brevettata, non duplicabile e marcata con un codice alfanumerico che identifica il proprietario, consente di prelevare qualsiasi bicicletta disponibile in rastrelliera.
Attualmente la Provincia ha acquistato quaranta biciclette: ventotto sono già in servizio nei comuni di Porto Sant’Elpidio (otto), Grottammare (otto), Spinetoli (quattro), Porto San Giorgio (otto) mentre le ultime sono entrate in funzione sabato, 22 settembre, a Pedaso (quattro) e a San Benedetto (otto).

«Pur lavorando 365 giorni l’anno ai progetti di mobilità sostenibile – ha commentato l’assessore provinciale ai Trasporti Ubaldo Maroni – abbiamo concentrato alcune iniziative in questa che è la settimana della mobilità europea il cui tema centrale è “Streets For People“, le strade per la gente. Con l’onda verde, che consente ai bus di avere sempre il via libera ai semafori, e il progetto “C’entro in bici” vogliamo che i cittadini si riapproprino dello spazio urbano, aumentando le possibilità di mobilità per migliorare la qualità della vita».
Positivo il commento del sindaco Giovanni Gaspari: «Il progetto è in linea con le azioni dell’amministrazione provinciale e di quella comunale e contribuisce a far passare un messaggio culturale diverso. Per questo stiamo progettando ulteriori chilometri di pista ciclabile che si uniranno al tracciato già predisposto dalla Provincia».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.148 volte, 1 oggi)