SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’atletica ha scritto alcune delle più importanti pagine nella storia dello sport sambenedettese. La stagione agonistica appena conclusa ha contribuito ad arricchire il considerevole palmares di questa disciplina. Protagonista indiscussa l’Associazione Sportiva Dilettantistica Collection, la società cittadina che annovera tra le due file alcuni dei giovani più interessanti a livello regionale e nazionale.
Il presidente Stefano Cavezzi, se da un lato è contento per i risultati conseguiti, dall’altro palesa una certa preoccupazione e avverte: «Un movimento in crescita costante come il nostro ha bisogno di spazi e strutture adeguate. Il campo di atletica ha subìto una prima fase di restyling e il Comune ci ha concesso la nuova palestra della scuola Curzi, ma non basta: per permettere ai nostri atleti di svolgere nel migliore dei modi gli allenamenti e, di riflesso, consentire alla città di continuare ad essere uno dei principali centri dell’atletica nazionale e internazionale, serve dell’altro».
STAGIONE DA INCORNICIARE. Annata da ricordare per la Collection, si diceva. Vediamo perché. John Mark Nalocca, classe ’88, ha vinto nella categoria juniores il titolo italiano dei 110hs lo scorso giugno a Bressanone. Due volte primatista italiano nei 110 hs e con 13″91, Nalocca ha stabilito la migliore prestazione italiana di tutti i tempi. Il giovanissimo atleta vanta anche tre presenze in nazionale tra cui una con l’Uganda che è il suo paese d’origine.
Passiamo a Ilaria Narcisi, classe ’84, che per l’atletica sambenedettese rappresenta l’atleta più veloce di tutti i tempi: dopo aver abbattuto tutti i suoi personali è entrata in finale ai Campionati Italiani assoluti di Padova arrivando ottava.
E ancora: Jennifer Massaccisi, 19 anni , si è classificata al terzo posto ai Campionati Italiani di prove multiple svoltisi lo scorso febbraio a Ponticelli, e detiene il record regionale di pentathlon. Lo scorso week end la stessa Massaccisi ha conseguito la terza prestazione italiana nell’eptathlon (100hs, lungo, alto, peso,200mt, giavellotto, 800) a Scafati.
Enrica Cipolloni (17 anni) dal canto suo detiene un personale di 1,78 nel salto in alto che la colloca tra le primissime atlete in Italia. E’ inoltre giunta seconda agli italiani indoor di Genova e ha ottenuto lo stesso piazzamento gli italiani di prove multiple a Ponticelli. Grazie a questi risultati ha indossato la maglia azzurra in occasione del meeting giovanile “Jean Humbert Cup” svoltosi a Bordeax, in Francia, piazzandosi al terzo posto.
Mauro Biondi, classe ’90, specialista del lancio del martello (66m) è ai vertici della classifica nazionale e pur essendo giovanissimo ha vestito la maglia della Nazionale in occasione dei mondiali allievi a Hengelo (Olanda). La 18enne Aurora Narcisi invece è specialista nel lancio del peso, tanto da classificarsi al secondo posto ai Campionati Italiani che si sono svolti a Fano e vanta due presenze in nazionale: alle Gymnasiadi di Atene e al meeting internazionale a Milano ” 4 motori per l’Europa”.
La Collection vanta infine un record regionale nella 4x1giro indoor stabilita lo scorso febbraio da Cristian Magno, Ausonio Assenti, Antonio Ventili e John Mark Nalocca.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 928 volte, 1 oggi)