Centobuchi-Recanatese 1-1
CENTOBUCHI: Di Giacomo, Alessandrini, Cucco, Troli, Mozzoni, De Amicis, Cesani (28’ st Frinconi), Calvaresi (33’ st Pignoloni), Di Giuseppe, Cacciatore (1’ st Costescu), Centofanti. A disposizione: Cagnato, Transatti, Di Donato, Ferrara. Allenatore: Sestilio Marocchi.
RECANATESE: Cionfrini, Sirotti, Fermani, Surdo, Patrizi, Martellini (31’ st Capezzani), Santoni, Marcolini, Di Francesco (37’ st Mossotti), Moretti (16’ st Albano), Senesi. A disposizione: Cantarini, Salvatelli, Frogioni, Puglia. Allenatore: Alessandro Porro.
Arbitro: Costantini di Perugia.
Assistenti: Ferentilli di Terni e Rosati di Foligno.
Marcatori: 37’ Cacciatore (C), 21’ st Senesi (R).
Angoli: 6-5.
Ammoniti: Marcolini (R), Troli (C), Patrizi (R), Capezzani (R).
Recuperi: 1’ pt, 3’ st.
Spettatori: un centinaio.
MONTEPRANDONE – E’ partita vera al Comunale, nonostante nella testa dei due allenatori ci sia solo il campionato. Il Centobuchi è ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale (ci proverà domenica prossima contro il Cologna Paese), la Recanatese, un punto appena dopo le prime tre domeniche della stagione, guarda con una certa apprensione al delicatissimo derby contro la Maceratese.
Scontato dunque vedere, per questa sfida di andata della seconda fase della Coppa Italia di Serie D, le cosiddette seconde linee. In altre parole, largo a soluzioni alternative che magari torneranno buone in seguito. Tre undicesimi di Centobuchi è quello che ha pareggiato la partita di Macerata; mister Marocchi schiera un’inedita difesa con Cucco e Alessandrini a spingere sugli esterni e il duo di centrali Troli-Mozzoni. In mediana, da destra verso sinistra, Cesani, De Amicis, Calvaresi e Centofanti. In avanti Di Giuseppe e Cacciatore. Esperimenti anche per mister Porro, costretto peraltro a tener conto di una situazione infortuni preoccupante, visto che i vari Cantarini (Luca), Proculo, Moretti, Puglia e Bellante non sono al meglio.
Avvio favorevole agli ospiti, che però si limitano a collezionare due corner. Pian piano viene fuori l’undici di Marocchi, preso per mano da un Calvaresi in grande spolvero e un De Amicis che non ha perso lo smalto di un tempo. Là davanti poi Cacciatore fa vedere buone cose.
La cronaca: all’8’ traversone di Centofanti dalla sinistra, il portiere Cionfrini sfiora, Di Giuseppe di testa non inquadra lo specchio della porta. Al 14’ bella punizione di De Amicis, che vicino al vertice destro dell’area di rigore giallorossa con il destro mette paura all’estremo difensore ospite. Un minuto più tardi Centofanti, ben servito da Cacciatore, lascia partire l’ennesimo traversone dalla sinistra, palla per Cesani, il cui tiro, da buona posizione, viene ribattuto da un difensore della Recanatese.
Ancora Centobuchi: scambio Calvaresi-De Amicis, con il numero 8 biancoceleste che nel cuore dell’area di rigore recanatese non incrocia bene con il sinistro. E’ il 25’. Al 31’ Cacciatore calcia dal limite dell’area, Cionfrini è costretto agli straordinari. Angolo.
Si rifà viva la Recanatese al 33’: Surdo calcia velocemente una punizione, la difesa di casa si fa trovare impreparata, ma Di Francesco, solo davanti a Di Giacomo, spreca consegnando il pallone nelle mani del portiere avversario.
Passano 4’ e i padroni di casa si portano in vantaggio: splendida azione di Calvaresi, che sulla mediana fa fuori due giocatori avversari e serve Cacciatore, il quale si defila leggermente sulla sinistra e batte il portiere con un tocco preciso a scavalcarlo. Tutto molto bello. Al 38’ replica la Recanatese, con un tiro dalla distanza di Marcolini: Di Giacomo respinge con i pugni. Il primo tempo si chiude con una potente conclusione al volo di Surdo che si spegne non lontano dall’incrocio dei pali.
Nella ripresa mister Marocchi toglie Cacciatore e inserisce Costescu, ridisegnando l’assetto della sua squadra in un 4-3-3, con Cesani e lo stesso romeno a sostegno di Di Giuseppe. Al 3’ Centofanti recupera un bel pallone a centrocampo e lancia in profondità il neoentrato Costescu, che si libera di un difensore e lascia partire un tiro che attraversa tutto lo specchio della porta giallorossa. Riprende la palla Cesani che crossa per il romeno, il quale viene anticipato di un soffio da Cionfrini.
Al 5’ mischia furibonda in area di rigore del Centobuchi, con Santoni che per due volte si fa respingere la conclusione da Di Giacomo. Dopo un minuto velocissimo contropiede ospite, con Senesi che costringe Di Giacomo alla deviazione in angolo. All’8′ risponde il Centobuchi con una conclusione dai 25 metri di De Amicis: angolo. Al 10′ Costescu mette in mezzo un pallone sul quale Di Giuseppe non arriva a causa del provvidenziale anticipo della retroguardia recanatese. Ancora i locali, al 14′: discesa di Alessandrini, palla in mezzo per Calvaresi che si ritrova a battere una sorta di calcio di rigore, ma la sua conclusione finisce addosso a Patrizi.
Al 21′ il pareggio ospite: splendido cross dalla destra di Martellini per Senesi che di testa batte l’incolpevole Di Giacomo, con la palla che finisce sotto l’incrocio dei pali. Azione da manuale. In pratica finisce qui la partita, con la prevedibile girandola di sostituzioni e un continuo quanto sterile predominio del Centobuchi. Da segnalare, al 46′ il tiro in corsa di Centofanti – palla di poco alta sopra la traversa – sugli sviluppi di una punizione calciata dal solito De Amicis.
Per l’intervista del dopo-partita a mister Marocchi cliccate QUI

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 746 volte, 1 oggi)