SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Porto d’Ascoli affronterà di nuovo la Monteprandonese a distanza di 15 giorni. In Coppa terminò 2-2, con i biancocelesti, che incassarono due reti per altrettante ingenuità difensive.
Dopo il buon pari rimediato ad Acquasanta, nella partita d’esordio del campionato, gli uomini di mister Deogratias cercheranno di riscattarsi.
Mister, tante occasioni, un palo e un solo punto: rammaricato?
«Sì, anche se nel complesso il risultato è giusto. Abbiamo giocato contro una bella squadra su un campo ridotto in pessime condizioni. Non si poteva fare di meglio dal momento che siamo due formazioni molto tecniche».
Il prossimo avversario, la Monteprandonese, è reduce da una pesante sconfitta. La preoccupa? «Per principio non mi spaventa nulla. Comunque ciò che è stato non è detto che si ripeta. Ogni gara è a se. Rispetto assoluto dell’avversario. Dobbiamo pensare a fare bene senza tatticismi esasperati».
Di Filippo, al primo gol in campionato, sembra non sbagliare un colpo.
«E’ il nostro terminale offensivo. Sabato scorso a fine gara gli ho fatto i complimenti. E’ un giocatore molto disponibile, durante la partita ma anche nel corso degli allenamenti settimanali: non si risparmia mai ed è sempre puntiglioso, tanto da essere apprezzato e seguito dal resto del gruppo».
Resta invariata la situazione infortuni. Pompei e Perozzi lavorano a parte. Sgattoni accusa ancora un fastidio inguinale. Di Girolamo deve recuperare la condizione fisica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 459 volte, 1 oggi)