SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Marco Ahmetovic sarà ospitato in una casa della città fino al 5 ottobre prossimo, data della prossima udienza del processo a suo carico. Il nomade che il 23 aprile scorso guidava ubriaco a folle velocità e che ha investito e ucciso quattro adolescenti ad Appignano del Tronto è stato infatti scarcerato dopo cinque mesi di reclusione nel carcere di Ascoli Piceno.
Il 22enne ha potuto beneficiare degli arresti domiciliari in quanto ha dimostrato di collaborare con la giustizia, ammettendo le proprie responsabilità fra le quali anche il coinvolgimento nella tentata rapina del novembre 2006 in un ufficio postale di Maltignano, per cui i Carabinieri del Comando provinciale hanno appena chiesto un mandato d’arresto. Ahmetovic è stato identificato tramite la prova del Dna a mesi di distanza dal tentato colpo.
La decisione del giudice sulla concessione degli arresti domiciliari si é basata anche sul fatto che un cittadino italiano ha dichiarato di voler accogliere Ahmetovic nella propria abitazione per motivi umanitari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.651 volte, 1 oggi)