COLONNELLA – Il sindaco di Colonnella, Marco Iustini non ha digerito le accuse rivolte all’Amministrazione comunale sullo stato di degrado in cui versa la zona industriale di Vallecupa, e ci tiene a fare delle precisazioni e delle rettifiche per scagionare, seppure in parte, le responsabilità del Comune in merito.

«Non è mia intenzione entrare in polemica con gli industriali – ha dichiarato il primo cittadino – ma vorrei far notare che molte delle zone di viabilità che hanno una manutenzione carente, ricadono in aree di urbanizzazione la cui realizzazione spetta alle aziende, in base a degli accordi di programma stipulati con il Comune. E’ il caso ad esempio dell’Atr che, come molte altre ditte, è responsabile del completamento delle strade e delle aree adiacenti gli stabilimenti, sulle quali noi non possiamo intervenire».

Per quanto riguarda invece la cura delle aree verdi, la sistemazione delle strade e delle aree di appartenenza comunale, ribadisce che l’Amministrazione sta provvedendo a tutti gli interventi del caso. «Di recente abbiamo asfaltato delle vie e attivato l’illuminazione in alcune zone in cui ancora non era presente – ha proseguito Iustini – e periodicamente poi ci occupiamo del taglio delle erbe nelle aree verdi». Ma il sindaco non specifica, seppure da noi sollecitato, quali intervalli di tempo intercorrano tra un taglio e l’altro dell’erba, così come tra una pulizia e l’altra delle strade, sulle quali, a suo dire, l’immondizia abbandonata un po’ ovunque viene portata via regolarmente. Ci tiene però a ribadire la volontà dell’amministrazione di ottenere una maggiore collaborazione delle industrie, che troppo spesso si lamentano essendo però le prime ad avere un comportamento criticabile . «Uno dei principali motivi di disaccordo – ha proseguito il primo cittadino – è la costante mancanza di rispetto delle regole per la raccolta differenziata dei rifiuti. Nei cassonetti si trova di tutto, e così tonnellate di rifiuti che potrebbero essere riciclati devono essere invece portati in discarica con un notevole dispendio economico da parte del Comune».

Iustini prosegue ribadendo che anche le industrie devono fare la loro parte avviando le opere di sistemazione stradale e di bonifica delle aree verdi, come indicato negli accordi di programma, e da parte sua promette il massimo impegno per la risoluzione delle questioni che sono di competenza dell’Ente. Tra gli interventi a breve termine, la tanto attesa assegnazione delle vie a tutta l’area. «Entro i prossimi due mesi sarà installato lo stradario comunale, e avremo una toponomastica completa di tutto il territorio. In programma poi – ha continuato il sindaco – ci sono la sistemazione delle aree verdi con la piantumazione di numerosi alberi, e la costituzione di nuovi parcheggi. La realizzazione di queste opere, però, dovrà essere accompagnata da interventi complementari: per impedire che di notte le ampie zone all’aperto si trasformino in punti di incontro per traffici di droga e prostituzione, si provvederà a recintare le aree verdi e a chiudere i parcheggi nelle ore notturne».

Interventi mirati e specifici, che risolvono solo in parte i problemi legati all’incuria della zona industriale, che per essere risanata in via definitiva avrebbe bisogno invece di un maggiore dialogo tra Amministrazione e aziende che operano nell’area. Solo così l’intera zona potrà avere una riqualificazione effettiva, di cui ne trarranno vantaggio non solo le aziende in termini di immagine e l’amministrazione nel mostrare la propria efficienza, ma anche coloro che subiscono le difficoltà maggiori in fatto di vivibilità ambientale e sicurezza sociale: i cittadini che abitano nella vicina zona residenziale di Vallecupa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 554 volte, 1 oggi)