SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Palacongressi srl spera in un responso favorevole del Tribunale del Riesame in merito al dissequestro della struttura convegnistica di Porto d’Ascoli. L’avvocato della società Ermanno Consorti conta di presentare il ricorso entro la settimana. A metà settembre ci potrebbe essere l’attesa pronuncia, che limiterebbe i danni subiti dalla cordata imprenditoriale aggiudicataria del project financing votato dalla giunta Martinelli nel 2004. Danni per i quali la società pare intenzionata a rivalersi in sede giudiziaria. Il legale Consorti infatti spiega: «La gara del Comune è perfettamente regolare e l’investimento della società da me assistita sta subendo un grave pregiudizio, nonostante essa sia del tutto estranea ai procedimenti giudiziari in corso. Siamo anche convinti che i tecnici del Comune siano persone rispettabili che non hanno nessuna responsabilità penale».
Intanto la società sta avendo dei contatti con il sindaco Giovanni Gaspari per avere dei chiarimenti sulle intenzioni dell’amministrazione comunale. E’ chiaro che la Palacongressi srl spera in un’azione di supporto quantomeno morale da parte del primo cittadino, ancora in silenzio stampa. L’obiettivo degli imprenditori è ovviamente il dissequestro totale dell’immobile; per il Comune, almeno momentaneamente, potrebbe bastare un dissequestro parziale che permetta l’organizzazione degli importanti convegni già programmati.

Intanto c’è attesa anche per la pronuncia del Tar in merito alla regolarità degli atti amministrativi, prevista per il prossimo dicembre.
Non parla nemmeno il dottor Lorenzo Agostini, primario di Recupero e Riabilitazione Funzionale al “Madonna del Soccorso” e organizzatore del convegno nazionale della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa dal 10 al 13 ottobre.
Anche il medico sta avendo dei contatti con Gaspari, nominato custode giudiziario del Palacongressi dalla Procura. Sono attese per l’evento almeno 900 persone. Il congresso dovrebbe aver luogo nelle date stabilite ed è possibile che se non ci sarà un dissequestro parziale si possa trovare una soluzione alternativa in qualche struttura convegnistica del comprensorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 715 volte, 1 oggi)