SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Comune progressista con i writers, quei giovani e meno giovani appassionati di pittura con le bombolette spray. L’assessore ai Lavori Pubblici Giancarlo Vesperini si dice disponibile a valutare le proposte per destinare alcune aree della città al disegno urbano. Come si fa in tante altre città.

Che abbia un effetto deterrente sui profanatori di opere d’arte altrui o semplicemente sui forzati della firma muraiola? L’esponente dello Sdi ci scommette.
«Aree appositamente attrezzate come i pilastri dei parcheggi sotto la sopraelevata. Diamo ai writers la possibilità che il loro lavoro sia osservato e che rimanga in memoria. E proteggiamo così altri luoghi e muri dai seminatori di sogni colorati, per via dell’immagine e per via della legge che comunque prevede il reato di danneggiamento».
Seminatori di sogni, così Vesperini chiama i writers, «artisti delle bombolette spray in equilibrio sempre precario tra la ricerca delle nuove vie dell’arte e il vandalismo. Nel mezzo restano a fare da campo di battaglia i muri delle periferie o dei palazzi pubblici, o altre opere d’arte».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.195 volte, 1 oggi)