ALBA ADRIATICA – Guerra all’abusivismo commerciale ad Alba Adriatica. Attraverso un lavoro coordinato tra la locale Caserma dei Carabinieri, la Polizia Municipale e la Guardia di Finanza, sono stati ottenuti notevoli risultati per debellare attività commerciali illegali che, troppo spesso, si perpetuavano ad opera di extracomunitari per le vie albensi.

Nel corso degli interventi effettuati dalle forze dell’ordine a partire dal mese di aprile ad oggi, si sono avuti 12 arresti per violazione del provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, 10 persone denunciate per commercio ambulante senza autorizzazione, 29 denunce per riproduzione abusiva e commercializzazione di opere tutelate da diritto d’autore. Gli extracomunitari accompagnati in questura sono stati in tutto 39, mentre 503 sono state le contravvenzioni, per una somma totale di 265 mila euro. Di poco inferiore, 256 mila euro, è il valore totale delle merci sequestrate dall’Arma, quali cd, dvd, borse, occhiali e vari articoli di marche contraffatte.

Quest’estate le numerose bancarelle abusive che nelle stagioni passate affollavano soprattutto di sera il lungomare Marconi, si sono visibilmente ridotte fino a scomparire quasi del tutto, con evidente soddisfazione delle associazioni di categoria, quali Confcommercio, Confesercenti, il Comitato cittadino Centro Commerciale naturale, che da tempo avevano sollecitato l’amministrazione comunale e le forze dell’ordine a prendere provvedimenti in proposito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 529 volte, 1 oggi)