ASCOLI PICENO – Erano circa le 11 di questa mattina infernale, 31 agosto 2007, quando le prime fiamme hanno invaso i boschi a ridosso delle case sulla vecchia via Salaria a Mozzano, di fronte al bar XXL, in pieno centro abitato. I soccorsi sono arrivati subito, e un elicottero dei Vigili del Fuoco ha cercato di evitare il disastro. Fortunatamente a Mozzano c’è una piccola diga e il velivolo vi si è recato per rifornirsi d’acqua e cercare così di arginare le fiamme che stavano per bruciare il paese.
La popolazione della frazione del capoluogo si è molto spaventata e ha sperato fortemente nella capacità degli uomini addetti ai soccorsi, che in questi giorni sono stati impegnatissimi a causa dei numerosi incendi nell’Ascolano, (alcuni di loro non tornano a casa da ieri pomeriggio). Si spera nel vento che possa cessare e si spera nella pioggia, annunciata da ieri ma ancora assente.
Alcuni testimoni hanno raccontato che l’incendio poteva essere stato causato dalla negligenza di un anziano compaesano che stava cuocendo le bottiglie di pomodoro, altri raccontano di aver visto una macchina sospetta e di aver preso il numero di targa. A preoccupare è il fatto che sono stati riconosciuti almeno tre punti diversi in cui si sono sviluppate le fiamme. Uno è nel bosco a ridosso della Salaria e del bar XXL, l’altro verso il torrente Fluvione. Questo fa pensare a molti che si possa trattare dell’ennesimo incendio doloso di questa estate.
Per il momento i residenti di Mozzano possono solo pregare che finisca presto questo momento drammatico per la frazione e per tutto il comune di Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.325 volte, 1 oggi)