MONTEPRANDONE – Le due vittorie in Coppa Italia contro la Santegidiese e, più in generale, il discreto precampionato disputato, infondono serenità al Centobuchi.
L’ambiente biancoceleste guarda all’esordio di domenica prossima, in casa della Renato Curi Angolana di mister Gentilini – tra le file nerazzurre un altro sambenedettese, l’attaccante Massimiliano Fanesi, l’anno passato a Grottammare – con moderato ottimismo.
C’è ovviamente, la consapevolezza che l’undici abruzzese è avversario tosto, non fosse altro per le ambizioni con cui si appresta a disputare l’ennesima stagione di Serie D, ma il Centobuchi stavolta parte con l’indubbio vantaggio di avere maturato un anno di esperienza in una categoria così difficile.
La squadra giovedì pomeriggio ha disputato una partitella in famiglia contro la formazione Allievi. Tutti a disposizione di mister Marocchi, ad eccezione di Pinciarelli (risentimento muscolare), Di Giuseppe (problema alla pianta di un piede) e Merletti (affaticato). Nessuno dei tre ad ogni modo dovrebbe rischiare di saltare la trasferta di Città Sant’Angelo.
E a proposito dell’undici che il tecnico biancoceleste potrebbe mandare in campo domenica prossima, proviamo a ipotizzare un 4-4-2 con Merletti tra i pali, Tocchi, Cameli, Corradetti e Pesce in difesa; sulla mediana Simoni e Pinciarelli in mezzo, con Centofanti e Costescu sulla fasce. In avanti la coppia Vidallè-Cacciatore, che così bene ha fatto finora.
Intanto in biancoceleste è arrivato l’attaccante classe ’89 Simone Lunerti, fino all’anno scorso alla Samb. Una novità infine anche in uscita, con la giovane punta Enrico Pelliccioni che è finito al Notaresco, in Eccellenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 514 volte, 1 oggi)