SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb ha steccato la prima partita del campionato e per qualcuno la squadra 2007-2008 non è competitiva. Come per il coordinatore comunale di Alleanza Nazionale Luigi Cava, che fa comunque un plauso alla presidenza, cioè ai fratelli Tormenti, ma riserva invece invettive forti verso una certa classe di cittadini colpevoli a suo dire di un «maledetto menefreghismo».

«Imprenditori, costruttori e albergatori in primis, che da trent’anni a questa parte si sono “abbuffati di soldi” senza restituire niente alla città». Aggiunge Cava: « Agli albergatori abbiamo regalato il lungomare più bello d’Italia e una possibilità edificatoria del 20% in più di quella che avevano. Loro in cambio hanno intasato il lungomare con le macchine dei propri clienti, poiché dove dovevano realizzare parcheggi sotto gli hotel, hanno invece realizzato hall e bureau. Ai costruttori – continua Cava – sono state date tutte le concessioni edificatorie possibili immaginabili e ancora oggi, con una città ormai totalmente satura urbanisticamente, le varie lobbies politiche ed economiche fanno a gara per
concedere ancora di più nell’ambito del nuovo Prg in fase di definizione. E’ anche per questo che la nostra Samb ogni volta si trova a soffrire troppo, dovendo confidare sempre troppo sul cuore. Ma questo non basta e ancor più non è giusto».
Lo sfogo del politico di centrodestra si conclude con un invito alla attuale classe governante: «Quando i “principi del mattone” si recano in Comune o in altre sedi per
chiedere di avere, a loro va prima chiesto cosa hanno dato alla città. Poi si discute».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.388 volte, 1 oggi)