GROTTAMMARE – Non dà tregua l’emergenza incendi. Nella notte fra il 30 e il 31 luglio sono bruciati due ettari di vegetazione di fronte all’Oasi di Santa Maria dei Monti. Illeso il convento dei Frati Minori.

I Vigili del Fuoco di San Benedetto hanno iniziato le operazioni di spegnimento all’una e trenta e sono stati impegnati fino alle quattro. Sono intervenute quattro autobotti appoggiate dai Carabinieri.
Le fiamme si sono sviluppate verso la strada per Ripatransone, appena sopra l’edificio del vecchio mattatoio. Alcune villette sono state sgomberate per precauzione durante le operazioni di spegnimento.
Il danno alla vegetazione è stato grave e ha rischiato molto anche il vecchio incasato della Perla dell’Adriatico. Ci racconta un testimone: «Molti cipressi sono ridotti in cenere, li vedevamo bruciare come fiammiferi. Per fortuna che il fuoco non è arrivato al fosso, che ora è secco. Se fosse successo ora saremmo qui a raccontare l’incendio del Paese Alto».

Foto gentilmente concesse dal nostro lettore Matteo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.117 volte, 1 oggi)