SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si terrà dal 28 luglio al 5 agosto la quinta edizione della manifestazione “Da Oriente a Occidente una danza per la pace“organizzato dall’Associazione Culturale Maeva e dal Centro Asani di Porto d’Ascoli, le cui singole manifestazioni si svolgeranno, oltre che a San Benedetto e Grottammare, anche ad Ancona, dove già lo scorso 21 giugno le allieve del Centro Asani hanno portato la danza orientale al Teatro le Muse.

L’evento di apertura si terrà sabato 28 luglio presso lo chalet “Sabya Beach” di Grottammare, dove si esibiranno per l’occasione le migliori danzatrici delle scuole di danza orientale di Italia e d’Europa, e le migliori allieve del Centro Asani. Tra splendide coreografie, profumi e  colori tipici, è previsto anche l’assaggio di alcune specialità orientali  in un simpatico e originale connubio culturale, per dare a tutti gli ospiti l’impressione di trovarsi in un posto da mille e una notte. Nel corso della serata si terrà anche una sfilata di preziosi abiti orientali provenienti dal Cairo, proposta da M.me Samira, della Boutique Orientale di Roma.

Sono previsti anche presso il Centro Asani diversi seminari di danza, alcuni dei quali tenuti dai due maestri di danza egiziana Wael Mansour  e Ashraf Hassan. Il 3 agosto nello spettacolo “Colori d’Oriente” le migliori allieve del Centro si esibiranno in un saggio dei principali stili di danza orientale.

La serata finale si svolgerà il 5 agosto al Parco del Cardeto di Ancona, dove i due maestri Ashraf Hassan e Wael Mansour proporranno stili quali il saaidi, l’andaluso e la tannoura (la danza dei sufi egiziani).

L’intera manifestazione nasce con l’intento di valorizzare e diffondere la cultura della danza orientale. «Già diffusa da decenni in diversi paesi europei quali Francia, Germania, Spagna, Svezia – ha dichiarato Najma Asani, fondatrice dell’omonimo centro a Porto d’Ascoli – essa è considerata a tutti gli effetti una disciplina con una sua tecnica e un suo percorso accademico, godendo di piena cittadinanza tra le arti legate al movimento corporeo. Lungi dall’essere considerata un mero strumento di seduzione praticato da alcune danzatrici, spesso non professioniste, tra i tavoli di un ristorante o di un night-club, la danza orientale è addirittura praticata e consigliata dai medici per risolvere e prevenire patologie legate a una scorretta postura della spina dorsale».

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 353 volte, 1 oggi)