RIPATRANSONE – Un “miniDSLAM” che consente una navigabilità internet ad una velocità di download pari a 640 Kbps. È l’obiettivo raggiunto dalle zone più periferiche di Ripatransone che, fino al mese scorso, potevano collegarsi ad internet ad una velocità di 56 kappa bites.

Certo, non siamo ancora ai livelli milanesi – con Fastweb in Italia ci si collega fino a 24 megabite, in Francia a 100 megabites – ma è un piccolo grande passo per gli abitanti, ma soprattutto per le aziende che si snodano fra le varie contrade sulla Val Tesino.

Il 21 giugno è stata inviata una comunicazione dal Sindaco Paolo d’Erasmo e dall’Assessore allo sviluppo economico, Francesco Mori, in cui si legge «Il raggiungimento di questo risultato è stato il frutto di un costante e fiducioso interessamento nei confronti della società Telecom Italia da parte dell’amministrazione comunale ed esso consentirà di usufruire del servizio internet a banda larga».

Gli interessati possono quindi fin da ora richiedere l’ADSL: sia il Comune che il Servizio clienti Telecom assicurano che tutti i numeri di telefono che iniziano con 90 (quindi 0735 / 90…) sono coperti.

Dal Comune arriva anche una notizia in più: non solo quindi Telecom Italia – dalla comunicazione ci pareva di dedurre che un tecnico di questa azienda avrebbe contattato direttamente i cittadini, ma non è così – diversi gestori di telefonia offriranno il servizio. Ma dalle ricerche online, non coprono questo servizio – per ora – Fastweb, Infostrada e Tiscali. Questo perché la centrale installata è ancora troppo piccola – 640 Kbps – per poter essere raggiunta da servizi maggiori, che vanno dai 4 megabites in su. Telecom Italia assicura comunque il servizio.

Un plauso, dunque, all’amministrazione per la promessa mantenuta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 494 volte, 1 oggi)