MONSAMPOLO DEL TRONTO – Piazza Castello come Tebe. È questo l’ambiente scelto per il quarto appuntamento con Autoktofonia festival 3.

La compagnia di Vincenzo Di Bonaventura, forte del suo teatro che porta in strada grandi classici, finora ritenuti troppo “alti” per atterrare sulle piazze dei paesi, questa volta ci incanterà con Edipo Re, celebre tragedia di Sofocle.

Il festival ha lo scopo ultimo di avvicinare al teatro i giovani, raccontando “per strada” quei classici finora recitati sopra palchi troppo distanti dalla generazione di internet e tv narrowcasting.

Sotto una luce nuova, grazie ad artisti esperti che amano definirsi “artisti di strada”, sabato 21 Luglio alle 21,30 il palazzo reale di Edipo, re di Tebe, spalancherà le sue porte al popolo tormentato dalla pestilenza. Aspettano Caronte, che torna da Delfi dopo aver interrogato l’oracolo.

Il modo di recitare è nuovo, l’ambientazione insolita. Il cuore dell’opera non è più racchiuso tra quinte e platea ma si lega alle strade, alla piazza, alla gente grazie ad un modo nuovo di recitare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.355 volte, 1 oggi)