Serie D. Che fine faranno Grottammare e Centobuchi? La società di Pignotti è in cerca di acquirenti. L’attuale presidente, dopo 4-5 miracoli, non se la sente più di andare avanti da solo: io credo che il problema sia tutto qui e cioè che Pignotti non regge più il peso economico della categoria ma nello stesso tempo non vorrebbe abbandonare definitivamente la sua creatura. Mi sembra anche giusto e umanamente comprensibile.
Discorso diverso per il Centobuchi che, invece, punta alla C2 o perlomeno all’alta classifica. Non si spiegherebbe diversamente la delegittimazione di un Direttore sportivo (Gabriele Menzietti) che negli ultimi quattro anni ha portato la squadra dei Marocchi al traguardo (semplicemente impensabile prima) della serie D. Di solito in casi simili, quando squadra e società cescono di categoria, senza svenarsi, tutto si fa meno che stravolgere i quadri e “bocciare” chi andrebbe premiato. A meno che i traguardi raggiunti non siano stati inferiori a quelli prefissati. L’unica spiegazione logica è quindi questa: il Centobuchi punta alla C2. Essendo un simpatizzante della squadra biancazzurra, me lo auguro fortemente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.181 volte, 1 oggi)