GROTTAMMARE – La collina di Montesecco torna a bruciare dopo il drammatico incendio di domenica 15 luglio. A prendere fuoco, nella tarda mattinata di martedì 17, una porzione di collina rivolta verso il casello autostradale. Quasi 2500 i metri quadri di macchia che purtroppo sono andati bruciati; nessun danno per le abitazioni, anche per il tempestivo intervento dei pompieri che stavolta non si sono serviti di elicotteri e canadair.

Un incendio di proporzioni relativamente piccole, dunque, ma che ha richiesto tutta la bravura dei pompieri data la natura impervia della zona.
Dopo lo spegnimento del grosso dell’incendio, c’è stata una serie di piccoli focolai da tenere a bada per tutto il pomeriggio, che hanno impegnato i Vigili del Fuoco di San Benedetto, giunti sul posto alle 13:45 con sei uomini e coadiuvati da alcuni mezzi provenienti da Amandola e Ascoli, giunti per dei rifornimenti idrici.

«Quando sembra che tutto sia spento, ecco spuntare fuori del fumo dalla macchia. Siamo stati sul posto fino alle 18:00 circa, perchè dovevamo tenere sotto controllo i piccoli focolai residui», ci dicono dal comando dei Vigili del Fuoco.

Per vedere le immagini cliccate sull’icona a destra. Tutti i servizi video e audio di Sambenedettoggi.it sono sulla sezione Media Center.

I video sono nel formato Quick Time.

Per il caricamento, qualora la finestra non si dovesse aprire correttamente, ritentare una seconda volta.


Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.068 volte, 1 oggi)