SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Certo che quanto ad osare, questo sindaco conosce pochi rivali. Perfino Gabriele D’Annunzio – che coniò il famoso motto Memento audere semper – posto davanti a tanta inusitata audacia impallidirebbe. Peccato però che il suo osare è puramente legato al mondo della fantasia e non a quello della realtà».
Ironizza così in una nota, diffusa nel pomeriggio di oggi, il capogruppo consiliare di Forza Italia Bruno Gabrielli, già assessore nella giunta di centrodestra guidata da Domenico Martinelli fra il 2001 e il 2005.
«Ditemi voi se non ci vuole del coraggio a raccontare che il cinema Calabresi poteva essere salvato se l’orco Martinelli avesse fatto scattare le norme di salvaguardia nel momento in cui il diabolico professor Bellagamba iniziò a lavorare sul Piano Regolatore», si chiede Gabrielli con sarcasmo.
Ma la demolizione del cinema di viale Buozzi per far posto a quaranta appartamenti, secondo il centrosinistra, dipenderebbe da una cattiva gestione in materia urbanistica durante l’amministrazione Martinelli?
A tal proposito l’ex assessore aggiunge: «Se in questa città si è tornati a parlare di Prg lo si deve al centrodestra che con l’ausilio di altre forze politiche del centro sinistra e la benedizione di Verdi e Pdci, bocciarono sonoramente i Prusst ereditati da Perazzoli e Gaspari». Proprio quei Prusst (programmi di riqualificazione urbana e sviluppo sostenibile del territorio) che per Gabrielli sarebbero stati «il più grande scempio urbanistico cittadino di tutti i tempi. E ci volle molta determinazione nel momento in cui si sapeva perfettamente che si sarebbe andato incontro a una marea di ricorsi al Tar da parte di quei costruttori coinvolti nella realizzazione dei Prusst che avrebbero invocato danni per milioni e milioni di euro».
Il capogruppo di Forza Italia accusa Gaspari di non avere credibilità non solo per la questione dei Prusst ma anche per la gestione della vicenda Palacongressi. L’attuale sindaco, quando era all’opposizione, aveva infatti contestato aspramente il project financing per il completamento della struttura e ora la sua amministrazione lo ha portato avanti per non essere costretta a versare una penale di 500 mila euro alla famiglia Calabresi.
Se avesse voluto, sostiene Gabrielli, Gaspari avrebbe potuto osare di più e pagare la penale, pur di far rimanere il Palacongressi in mani esclusivamente pubbliche.
«Non ci venga a raccontare che 500 mila euro sono troppi, poiché conti alla mano sono tanti e quanti quelli che verranno spesi in feste e festicciole varie dalla sua allegra amministrazione solo per questa estate».


Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.130 volte, 1 oggi)