SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La fine dei lavori sul nuovo lungomare di Porto d’Ascoli è stata accolta con sincera tristezza da parte degli operai che dall’inverno del 2004 hanno contribuito a realizzare il gioiello del nostro litorale, voluto e finanziato dall’amministrazione Martinelli con sei milioni e 700 mila euro di investimento. L’inaugurazione degli ultimi 750 metri avverrà sabato 7 luglio dalle ore 19 in poi; gli stabilimenti balneari offriranno un aperitivo, artisti di strada, animatori per bambini e la banda comunale con le majorettes allieteranno la cerimonia.
«Gli operai e le imprese hanno lavorato con grande coinvolgimento emotivo, con la passione e con il cuore, nonostante dopo la realizzazione del primo tratto molti politici e molti cittadini hanno avuto da ridire sulla qualità del lavoro. Ma dopo il 2005 persino i più scettici hanno iniziato a essere disponibili con gli operai», ha spiegato il progettista del gioiello, l’architetto del Comune Farnush Davarpanah.

«Sarà impegno di questa amministrazione comunale terminare la riqualificazione anche nel tratto nord del lungomare», afferma il vicesindaco Antimo Di Francesco.
L’impresa Cogema di Chieti, coordinatrice dei lavori, e la ditta Ecoservice responsabile delle aree verdi hanno aggiunto un prezioso tassello al proprio curriculum. Ora la manutenzione dei giardini tematici toccherà agli operai comunali. «Sarebbe il caso di pensare anche a una videosorveglianza», auspica Farnush.
Tutta la nuova zona pedonale di Porto d’Ascoli è lunga due chilometri: 700 metri la lunghezza del primo tratto concluso nel 2005, 500 metri il secondo, 750 metri l’ultimo tratto. Il taglio del nastro del sindaco Gaspari avverrà in corrispondenza della concessione numero 70, presso uno dei nuovi giardini tematici, quello “dei bambini”.
I molti giardini esotici si chiameranno “degli agrumi”, “delle piante officinali”, “delle vele”, “dei bambini”, “di campagna”, “multisensoriale” e si aggiungono a quelli dei primi due tratti (“delle rose”, “umido”, “arido”, “delle palme”, “mediterraneo”). Il giardino multisensoriale sarà arricchito da una miniatura in bronzo dell’artista sambenedettese Teodosio Campanelli, in cui delle iscrizioni in braille offriranno una descrizione per i visitatori non vedenti.

Oltre 250 le specie di essenze arboree presenti; ognuna di loro avrà una didascalia con una targhetta di bronzo. Molte anche le nuove palme aggiunte al ricco patrimonio esistente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.739 volte, 1 oggi)