MARTINSICURO – Si stavano scambiando qualche effusione sul lungomare Italia a Villa Rosa, nei pressi del torrente Vibrata, quando ieri notte due ragazzi si sono visti aprire le portiere dell’auto in cui si trovavano da due malviventi con il volto coperto, che li hanno minacciati con dei coltelli. I due ragazzi, lui diciottenne di Martinsicuro, lei minorenne di Alba Adriatica, non hanno opposto resistenza e sotto la minaccia delle armi hanno consegnato nelle mani dei rapinatori una cinquantina di euro e il cellulare del ragazzo. Fortunatamente i malviventi si sono accontentati del bottino fuggendo a piedi, probabilmente lungo la spiaggia. Sull’episodio accaduto la scorsa notte sul lungomare sud di Villa Rosa indagano i carabinieri della compagnia di Alba Adriatica. Anche se i due individui hanno detto solo poche parole, dal racconto dei due giovani sembra che i rapinatori avessero un marcato accento straniero.
Il problema della sicurezza sociale è piuttosto vivo a Martinsicuro, e per questo il sindaco Abramo Di Salvatore ha già affermato che si stanno cercando delle possibili soluzioni per cercare di arginare la diffusione della microcriminalità nella cittadina truentina.

«E’ necessario che vengano incentivati i controlli sul territorio da parte delle forse dell’ordine – ha dichiarato Di Salvatore -. Per questo motivo cercherò il prima possibile di avere un incontro con gli ufficiali dell’arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, affinché possano collaborare con la Polizia Municipale e avviare in sinergia pattugliamenti notturni e controlli incrociati.

Tra le altre iniziative in programma, stiamo pensando di installare alcune telecamere di videosorveglianza nelle zone più critiche della città».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 676 volte, 1 oggi)