MONTEPRANDONE – Si chiama R.E.D. il progetto di Risparmio Energetico Domestico promosso dall’Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno e lanciato già dal mese di gennaio grazie all’intervento del centro di ricerche Asteria. Il programma consisteva nel distribuire in maniera gratuita, a tutti i nuclei familiari residenti nel territorio Piceno, dei plichi contenenti lampade a risparmio energetico ed economizzatori idrici.
I ricercatori dell’Istituto Asteria avrebbero, poi, monitorato l’andamento del progetto in ogni sua fase. Ed ecco, dunque, i primi risultati dell’iniziativa: i dati sono stati incoraggianti per quanto riguarda la partecipazione dei comuni e l’interessamento delle famiglie. Le operazioni di distribuzione dei plichi sono iniziate dal comune di Grottazzolina (a partire dal 10 maggio), poi hanno riguardato Monteprandone (dal 13 maggio) e Offida (dal 4 giugno) coinvolgendo circa 5.000 famiglie (successive distribuzioni inoltre hanno visto coinvolti i comuni di Belmonte Piceno e Monsampietro Morico partite dal 25 giugno e Venarotta dal 29 giugno).
A Grottazzolina ha aderito l’88% delle famiglie (pari a 338 tonnellate annue), a Monteprandone il 75% (pari a 928 tonnellate annue), a Offida il 37% (dato parziale in quanto la consegna è ancora in corso) 236 tonnellate di anidride carbonica evitate): il risultato finale mostra come l’utilizzo, da parte delle famiglie, di strumenti a risparmio energetico sia stato fondamentale per evitare circa 1502 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. Con questo progetto sia Asteria che la Provincia di Ascoli Piceno hanno dimostrato un forte impegno per promuovere e diffondere un modo di vivere che concili i benefici della società moderna con la necessità di salvaguardare gli equilibri della natura, attualmente drammaticamente precari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 886 volte, 1 oggi)