SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Duecentosessanta espositori, tra i quali alcuni tra i più qualificati operatori del settore dell’antiquariato e del collezionismo provenienti da diverse località italiane, si danno appuntamento per il 13° anno consecutivo a “L’Antico e le Palme”, la rassegna che si svolge nel centro di San Benedetto dal 29 giugno al 2 luglio e dal 24 al 27 agosto.
Lampadari e vetri di murano, stampe e mappe antiche, preziosi arredi d’epoca, ricami e pizzi d’antan. Sono tantissime le proposte de L’Antico e le Palme, dall’old Sheffield, argento e silver plate alle porcellane e ceramiche di varia manifattura, mobili d’epoca che raccontano la storia dell’arredo che è anche una storia degli “stili di vita”, dei cambiamenti che riguardano non solo il gusto, ma le abitudini del vivere quotidiano. Pezzi di valore e curiosità dalla “soffitta della nonna”.
In questo parco dei divertimenti per collezionisti di tutte le età – ci sono infatti numerosi banchi per i collezionisti più piccoli – e di tutti gli indirizzi – dalla Coca-cola, all’oro rosso dei coralli agli utensili più specifici e disparati delle passate arti e mestieri – sarà possibile fare un viaggio a ritroso nel tempo, fra forme e colori che trasmettono emozioni estetiche e interesse storico.
LA MOSTRA COLLATERALE SU “ARTI E MESTIERI DI VITA”. E’ una ricca testimonianza con oltre 200 originali presentati in cornici, con la descrizione degli usi e dei costumi popolari, che permetteranno di rilevare sia le fogge del vestire sia le abitudini, che ad oggi rappresentano uno dei caratteri più rappresentativi delle tradizioni italiane.
Le incisioni delle “arti e mestieri per via“ esposte vanno dalle raccolte cinquecentesche di Cesare Vecellio e di Annibale Carracci, alle serie ottocentesche di Bartolomeo Pinelli, Filippo Palazzi, Calvi, Madame Demartres, Gatti e Dura, Cuciniello e Bianchi, De Bourcard e Basilio Cascella. Sono documenti iconografici che rappresentano efficacemente il lavoro, i mestieri e il commercio ambulante, esposti in una kermesse dedicata agli antesignani dei moderni venditori ambulanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 767 volte, 1 oggi)