MONTEPRANDONE – Prosegue a passo spedito l’opera di rafforzamento del Centobuchi.
Il neodirettore sportivo Claudio Cicchi ha già piazzato cinque colpi: dopo gli arrivi di Pinciarelli, Centofanti e Cacciatore, vestiranno il biancoceleste anche Massimo De Amicis e Giuseppe Pesce.
De Amicis, che non ha bisogno di presentazioni – per il 36enne (a ottobre) giocatore di Pescara, anche una bella esperienza alla Samb – ha trovato l’accordo con la società di Claudio Marocchi dopo un corteggiamento che andava avanti da un po’ di tempo: il difensore, reduce dall’esperienza con la maglia dell’Aquila (Eccellenza abruzzese), dove ha giocato da centrocampista, vivrà l’avventura a Centobuchi nel doppio ruolo di giocatore e (soprattutto) secondo di mister Sestilio Marocchi.
I FRATELLI PESCE INSIEME Giuseppe Pesce invece, fratello di Gianluca, autore dell’importante gol che venerdì scorso ha regalato alla squadra Allievi di mister Pavoni il Trofeo Velox, è un esterno sinistro del vivaio dell’Ascoli che nel corso della stagione archiviata ha giocato in tre squadre, tra Eccellenza e serie D: Arrone, Orvietana e, infine, Todi.
Pesce peraltro era stato a un passo dall’accordo con il club biancoceleste giusto l’estate scorsa, quando giunse in prova alla corte di Giuseppe De Amicis. Il tecnico abruzzese però, dopo qualche settimana di preparazione, lo scartò. Per il giocatore quindi la possibilità di riscattarsi.
LUNEDI’ IL CDA Intanto lunedì sera il consiglio d’amministrazione si riunirà per fare il punto della situazione.
Già salutato bomber Alessio Rosa e confermato De Angelis, paiono vicine pure le riconferme di capitan Simoni e dei vari Cameli, Cucco, Alessandrini e Corradetti.
Sembra invece molto incerta la posizione del centrocampista Daniele Cipolloni. Sarebbe un peccato se il Centobuchi non dovesse rinnovare la fiducia al forte centrocampista, il quale l’anno passato, specie nel girone di ritorno e nella doppia sfida play out contro il Penne, è risultato fondamentale nell’economia del gioco di mister Marocchi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.805 volte, 1 oggi)