SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «I cittadini chiedono la politica della coerenza e il rispetto del mandato elettorale». Per questo, secondo l’esponente di An Benito Rossi, «occorre determinare maggiori opportunità verso chi non ha santi in paradiso e promuovere azioni forti verso i poteri di nicchia per recuperare lo sconforto di molti cittadini che giornalmente chiedono reali cambiamenti attraverso i ruoli istituzionali e i ruoli politici».
Turismo, commercio, piano regolatore, rapporto con il volontariato, sanità. Per Rossi in ognuno di questi settori San Benedetto starebbe “vivacchiando” attraverso delle nicchie chiuse fuori da trasparenza e partecipazione.

«La sanità locale continua ancora a soffrire degli stessi mali e ad avere numerosi problemi legati alla carente programmazione pluriennale oltre che allo scientifico taglio sulle spese correnti; la sinistra – accusa Rossi – mistifica il raggiungimento dell’ordinario come un grande successo quando come forza di governo regionale e locale ha prodotto le linee fino a oggi dettate. Tutto questo in attesa dell’accorpamento definitivo a fine anno con la Zona Territoriale 13».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 523 volte, 1 oggi)