GROTTAMMARE – La “Festadelmare e del Piceno” torna per il suo secondo anno consecutivo con tre giorni di eventi dedicati interamente al mondo marino: la manifestazione promossa da Legambiente, Mondo Marino, dalla Cooperativa Liberi Naviganti e dalla Fondazione Cetacea Onlus in collaborazione con la Provincia di Ascoli e il comune di Grottammare avrà come obiettivo principale la sensibilizzazione della popolazione verso la salvaguardia delle coste e del mare, promuovendo anche l’importanza della costituzione del Parco Marino del Piceno.

Infatti nel programma dei tre giorni sono previste lezioni di biologia in spiaggia, laboratori didattici e convegni; l’associazione Liberi Naviganti si dedicherà alla “mostra degli acquari”, in Piazza Kursaal, ognuno dei quali riprodurrà il fondale marino del Piceno. La Fondazione Cetacei coinvolgerà il pubblico con un piccolo corso di pronto soccorso per tartarughe marine e delfini, e costruirà anche un laboratorio per bambini per fabbricare, con materiali di recupero, tartarughe, calamari, squali e altri animali.

Intanto Legambiente darà il via all’operazione “Spiagge Pulite” presso i comuni di Martinsicuro, San Benedetto del Tronto, Grottammare, Cupra Marittima, Marina di Massignano e Lido tre Archi a Fermo coinvolgendo circa 150 ragazzi delle scuole locali, che manifesteranno e agiranno per la pulizia delle loro spiagge; contemporaneamente ci saranno visite guidate al biotopo di Martinsicuro e di Cupra Marittima e all’oasi naturalistica della Sentina. In programma anche escursioni in mare, organizzate dal Circolo Nautico Sambenedettese, e “Snorkelling” sui frangiflutti.

«Ci prepariamo a bissare il successo dell’anno scorso» ha affermato il sindaco di Grottammare Luigi Merli, «in vista della definitiva costituzione del Parco Marino, ci facciamo promotori di tutte quelle iniziative che servono a migliorare la nostra conoscenza nei confronti del mare e delle sue risorse». La festa, con i suoi stand gastronomici, rappresenta anche una ghiotta occasione per valorizzare i nostri prodotti tipici: sfruttando i benefici della filiera corta, si potrà servire al pubblico pasta biologica con vongole, alici e totani del nostro mare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 667 volte, 1 oggi)