SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Chi entra Papa esce cardinale, recita il vecchio adagio. Vale pure per la Tecno Riviera delle Palme C/5 che vede sfumare il sogno della promozione in Serie C1, dopo una stagione regolare da autentica protagonista.
Fa festa il Futsal Porto San Giorgio che, sebbene sempre sconfitto in campionato, nel match più importante rifila un sonoro 5–2 ai sambenedettesi e stacca il biglietto per il triangolare (incontrerà l’Osimo Stazione e Pietralacroce 73 Ancona) che deciderà la seconda promozione, dopo quella della Juventina Montegranaro.
Una sconfitta, per la Tecno, frutto soprattutto della presunzione: rossoblu privi di mordente, lenti e a tratti apatici. Se è vero che l’assenza per squalifica di capitan Leonardo Grossi si è fatta sentire più del dovuto, è altrettanto vero che intestardirsi su giocatori ormai logori dal punto di vista fisico alla fine si è dimostrato essere un errore, pagato peraltro a caro prezzo.
Tornando alla gara dello scorso 19 maggio, tolto il palo di Paci colpito dopo pochi minuti, il gioco è stato sempre in mano ai sangiorgesi che con ritmi blandi ma incisivi, poco a poco son riusciti a scardinare l’incerta retroguardia rivierasca, portandosi sul doppio vantaggio. Allo scadere della prima frazione di gioco un guizzo di Mastrantonio permetteva alla Tecno di andare al riposo con una sola rete di scarto.
Nella ripresa stessa musica. La Tecno cercava il pareggio ma in maniera confusionaria. Solo una prodezza di bomber Candellori permetteva alla formazione di mister Canducci di raggiungere il temporaneo pareggio. Pochi istanti dopo, infatti, un’ulteriore dormita dei sambenedettesi, da azione di fallo laterale, faceva sì che l’avanti del Futsal si ritrovasse tutto solo davanti all’incolpevole Errera per la rete del vantaggio.
Vani erano i tentavi di impattare anche se, grazie a un tiro libero, la Tecno ne aveva l’opportunità. Purtroppo per i rossoblu, l’estremo difensore sangiorgese compiva un grande intervento. Nei 3 minuti di recupero la Futsal, con due reti, affondava definitivamente la corazzata sambenedettese, tutta proiettata in avanti alla ricerca del disperato pareggio, per il definitivo 5–2.
Svaniscono quindi i sogni promozione per Grossi & c. e con essi la stagione sportiva che avrebbe potuto rilanciare le ambizioni dei rossoblu. Grande amarezza per un traguardo che sembrava alla portata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 780 volte, 1 oggi)