Stadio. Sarà interessante conoscere il preventivo per la messa a norma dello stadio “Riviera delle Palme”. E’ quello che faremo nei prossimi giorni. Se fosse realistico che occorrono 13 milioni di euro (25 miliardi di lire!) per eseguire i lavori necessari, ciò significherebbe la “morte” del calcio sambenedettese. Ma anche 3 milioni di euro per mantenere 7500 spettatori mi sembra una cifra assurda. Il Comune giustamente declina l’invito ma sarebbe la stessa cosa se andasse in porto l’affidamento (se ne parlò anche ai tempi di Gaucci ed ora riappare come nuova ipotesi) all’attuale società rossoblu della gestione del Riviera per i prossimi 40 anni. Come potrebbero i fratelli Tormenti ammortizzare una simile cifra e, nello stesso tempo, ottenere risultanti sportivi esaltanti? Perché una cosa è certa (lo ha scritto anche un lettore nel suo commento): la gestione della struttura pubblica per 40 anni (o più) a privati è realizzabile soltanto e semplicemente per ottenere in cambio un immediato (o quasi) salto di categoria e il suo mantenimento per diversi anni. Come è facile dedurre, anche il miglior imprenditore del mondo (Moratti e Berlusconi a parte) non riuscirebbe a far collimare le due cose (-3 milioni o-13 milioni + serie B). Ne converranno certamente anche Marcello Tormenti & C.
Aggiungo che per una spesa del genere, come minimo, sia necessario un bando pubblico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.555 volte, 1 oggi)