ANCONA – Il 3,6 per cento delle risorse previste nel Piano quinquennale 2007-2011 dell’Anas sarà investito nelle Marche: «Una quota maggiore rispetto alle disponibilità del passato». Lo comunica l’assessore regionale alle Infrastrutture, Loredana Pistelli, dopo «il positivo risultato scaturito dall’incontro tecnico, della scorsa settimana a Roma, tra la Regione Marche, il ministero delle Infrastrutture e l’Anas».

Secondo quanto anticipato dall’assessore, sulla base delle proposte formulate, i fondi serviranno per finanziare il primo lotto del raddoppio della variante alla SS 16, dallo svincolo di Falconara allo svincolo di Torrette, per un importo di 66 milioni di euro, e per realizzare l’adeguamento della variante, da Falconara a Pontelungo, per un importo di 24 milioni di euro. Inoltre 96 milioni di euro andranno al primo lotto della Salaria, Acquasanta-Trisungo. «Il finanziamento, se confermato nelle successive fasi di esame – sottolinea l’assessore – consentirà finalmente di avviare la realizzazione di opere attese da molti anni». Il primo lotto del raddoppio della “16”, in particolare, ha un’estensione di 6700 metri, e comprende la risistemazione dello svincolo di Falconara, che consentirà di dare continuità alle quattro corsie, tra la variante alla SS16 e la SS 76.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 649 volte, 1 oggi)