ASCOLI PICENO – Un “Patto di Distretto” per un forte rilancio dell’agricoltura picena e l’impegno ad accelerare in sede di Governo l’utilizzo degli strumenti legislativi vigenti attivabili in stato di crisi: sono stati questi gli elementi salienti che hanno caratterizzato la visita ad Ascoli Piceno del sottosegretario di Stato alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Guido Tampieri.

Appena giunto nel capoluogo piceno l’esponente di Governo ha avuto un colloquio in Prefettura con il prefetto Alberto Cifelli, il presidente della Provincia Massimo Rossi e l’assessore all’Agricoltura Avelio Marini per un primo rapido scambio di vedute sulla situazione dell’agricoltura picena colpita da una grave crisi strutturale e da un andamento climatico anomalo; basti pensare che da ottobre a marzo scorsi si sono registrate temperature invernali di oltre 3 gradi superiori alla media e mancate precipitazioni con punte in alcune aree di oltre il 70%.

Successivamente nella sala del Consiglio provinciale si è svolto il previsto incontro pubblico con i rappresentanti delle associazioni di categoria ed operatori del mondo agricolo. Nel suo intervento l’assessore Marini ha chiesto all’on Tampieri che venga preso atto dello stato di grave crisi del mercato del settore ortofrutticolo provinciale, crisi riconosciuta dalla stessa Giunta regionale ed avvalorata con propria deliberazione lo scorso 7 maggio.

«Chiediamo siano attivate – ha detto l’assessore Avelio Marini – tutte le procedure per ogni utile intervento da parte del Ministero dell’Agricoltura per l’applicazione delle normative nazionali e comunitarie vigenti e di individuare ogni utile iniziativa per sovvenire alle aziende agricole con interventi sia in conto capitale, che mediante agevolazioni creditizie e previdenziali». L’assessore ha inoltre ricordato il progetto Filiera Corta, volto ad eliminare i passaggi intermedi e riavvicinare il produttore al consumatore e la firma di un Protocollo d’intesa con la realtà agricola e la realtà industriale della filiera del freddo.

Discorso sostenuto dal rappresentante del Tavolo Verde provinciale, Tonino Ciccolanti, presidente della CIA provinciale: «la sensibilità dimostrata per i problemi agricoli locali dalla Provincia di Ascoli Piceno e dalla Regione Marche fa sentire il settore agricolo non isolato. Auspichiamo quindi che a livello nazionale si completino tutti i passaggi per ridare respiro alle imprese dell’intera filiera».

Appelli che sono stati recepiti dall’On. Tampieri il quale ha innanzitutto sottolineato come «esista la legislazione per superare l’emergenza ed occorre quindi accelerare il percorso della ripresa, anche e soprattutto, operando secondo un approccio strategico a medio e lungo termine che faccia leva sulla concertazione, la capacità di fare sistema non solo sul piano nazionale, ma anche a livello europeo».

«Per far ciò – continuava il sottosegretario – vi è bisogno di regole e di un’ottima organizzazione. Se è vero infatti che i produttori tutto sommato sono sempre gli stessi, è pur vero che la globalizzazione ed il cambiamento climatico hanno influito sul comparto. E questi fattori non debbono essere continuamente inseguiti, utilizzando i fondi per tappare buchi. Occorre prevenire ed è in tale ottica che lavoreremo». Regole che rivestono quindi una certa rilevanza, soprattutto quando si vuole (e si deve) puntare sulla qualità, che necessità a sua volta di tracciabilità e quindi di certificazioni ad hoc. Il tutto facendo innanzitutto un esplicito richiamo alla concertazione che comporta inevitabilmente una responsabilizzazione delle parti, e poi all’uso di moderne tecnologie, ad esempio, per il risparmio dell’acqua. Tecnologie che esistono ma che, purtroppo, non vengono usufruite.

«L’obiettivo della Provincia è mettere in campo strumenti capaci di superare le criticità ed assicurare il rilancio dello sviluppo e della competitività dell’intero comparto agro-alimentare – ha sottolineato, concludendo, il presidente Rossi – ed in questa prospettiva si colloca il Patto di distretto che rappresenta un segnale concreto ed importante».

Al termine dell’incontro il Presidente della Provincia, l’assessore Marini, Tonino Cioccolanti (a nome del Tavolo Verde provinciale), Leo Bollettini presidente del COICO e l’amministratore di Piceno Sviluppo Evasio Cucchiaroni hanno siglato il documento che detta le linee strategiche del “Patto di Distretto” che prevede l’attivazione di un gruppo di lavoro interdisciplinare per lo studio di un programma coordinato di interventi volto a favorire il rilancio del distretto agro-industriale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 499 volte, 1 oggi)