«I politici reagiscono sperando di non farti parlare, oppure con l’indifferenza, o dicendoti che sei comunista, o se sono di sinistra dicono che sei fascista. Ma nel merito dei fatti non scendono mai», parole sacrosante di un uomo coraggioso.
La nostra condivisione, la mia in particolare, è massima ma c’è una differenza importante: le battaglie che Travaglio conduce a livello nazionale sono cento volte più facili di chi sta provando a farle in campo locale. Repetita iuvant: anche i politici nostrani non scendono mai nel merito dei fatti e si affidano al silenzio (indifferenza) e alla distrazione della gente. Si “svegliano” un po’ nei periodi pre elettorali.
Aggiungerei un’altra cosa a proposito del rapporto politici-stampa: i politici sono sempre dalla parte degli organi di informazione seri, quei giornali cioè che fanno inchieste (o che scrivono le cose come stanno)… quando siedono sui banchi dell’opposizione; li accusano di essere disfattisti quando sono al potere. Ripeto: nel merito dei fatti non scendono mai.
Fanno sempre finta di non aver capito. Aiutati dalla disattenzione dei cittadini e da chi crede ancora nelle bandiere politiche. Questi ultimi sono i voti più pericolosi e deleteri. Perché le bandiere sono oramai scolorite, sono diventate tutte uguali. I partiti, poi, sono diventati lobby così potenti da rendere vana anche l’istituzione di libere Primarie.
Non dispero, però, perchè sono convinto che, prima o poi, il bene viene sempre a galla e il male affonda.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 784 volte, 1 oggi)