ACQUAVIVA PICENA – Il campionato di Prima Categoria è terminato. Ma non per l’Acquaviva, che si appresta a disputare gli spareggi promozione (il 20 maggio). Risultato entusiasmante per il team del patron Rossi, andato ben oltre l’obiettivo di inizio stagione, vale a dire la conquista di una salvezza tranquilla. Il tecnico Franco Mascitti, lasciata alle spalle la “fase regolare”, guarda al primo atto play off.
Le quattro sconfitte consecutive, patite nelle ultime quattro giornate del torneo, la preoccupano?
«Assolutamente no. Sono state dettate da un rilassamento controllato. Ho fatto riposare a turno i titolari, i quali hanno disputato un campionato straordinario, inserendo diversi giovani in prospettiva per il prossimo anno. Quando ci siamo accorti che non potevamo più raggiungere il secondo posto e non potevano scendere dalla terza posizione, ho iniziato una preparazione adeguata per i play off».
Vi toccherà il Porto d’Ascoli. Va bene così?
«E’ una gara rischiosa per entrambe. Ti giochi una intera stagione. Ad ogni modo la preoccupazione sarebbe stata la stessa se avessimo incontrato il Petritoli o il Montottone».
Cos’ha in più l’Acquaviva?
«La classifica. Sfrutteremo la migliore posizione e il fatto che la prima gara si gioca fuori casa. Un pari in entrambi gli incontri ci porterebbe alla finale. Tuttavia non sottovaluteremo il Porto d’Ascoli. È una squadra costruita per vincere, ha qualità tecniche superiori alle nostre, in più dispone di una rosa ampia. E non è poco».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 399 volte, 1 oggi)