Grottammare-Renato Curi Angolana 1-1
GROTTAMMARE: Domanico, Iampieri, Manni, Del Moro, Pulcini, Traini, Gasparroni (75′ Marcatili), Ionni, Fanesi, Vergari (56′ Costanzo), Laino (56′ Pasquini). A disposizione: Di Salvatore, Oddi, Ascani, Villani. Allenatore: Amaolo
RENATO CURI: Ivanov, Pirozzi, Coglianrdo, Lezcano, Del Pizzo (67′ D’Alonzo), Cucciante, Manfrè (78′ Primiterra), Pasqualone, Parmigiani (56′ Miani), Chiaiese, Aloe. A disposizione: Fanti, Fuschi, Zanetti, Mezzazappa. Allenatore: Gentilini.
Arbitro: De Meo Pasquale di Foggia.
Reti: 51′ Fanesi (G) 89′ Aloe (RC).
Angoli: 10-2.
Spettatori: 200 circa.
GROTTAMMARE – Missione compiuta: al Grottammare serviva un punto per brindare alla salvezza e al termine della sfida casalinga contro la Renato Curi Angolana è arrivato il sospirato pareggio.
In archivio un’annata sofferta in casa biancazzurra: dopo un girone di andata sfavillante, con Manni e soci in piena zona play off per più domenica, ha fatto da contraltare un ritorno in tono dimesso. Basti pensare che a salvare il Grottammare dagli spareggi per non retrocedere, è stato proprio il punoto ottenuto contro l’undici di mister Gentilini.
Il primo tempo si apre con un Grottammare vivace che cerca subito di dimostrare di voler chiudere i conti, ma l’inizio promettente lascia subito il passo a una partita noiosa e priva di sussulti. Entrambe le squadre non affondano mai un colpo, limitandosi a studiarsi e lottare a centrocampo.
La cronaca? Povera. Mezz’ora di niente, o quasi, poi al 35′ i padroni di casa provano a sorprendere Ivanov con un tiro da fuori di Traini che però finisce altissimo.
Per il resto il taccuino resta bianco, con i due portieri che si meritano il titolo di spettatori non paganti. Tradotto: zero tiri nello specchio della porta per tutto il primo tempo.
Ripresa di ben altro tenore. Gli uomini di mister Amaolo provano subito a rendersi pericolosi e al 47′ Ionni mette al centro un cross dal fondo sul quale si avventa Gasparroni, ma Ivanov mette in angolo.
Al 51′ arriva il bel gol del Grottammare: un cross di Vergari pesca Fanesi solo davanti al portiere, il tiro è angolato, tanto che l’estremo difensore avversario non può farci nulla: 1-0. Per l’attaccante sambenedettese undicesimo sigillo stagionale. Dieci minuti dopo Costanzo semina il panico nella difesa avversaria, ma il suo tiro viene deviato in corner dall’attento portiere nerazzurro.
Nel finale la gara si infiamma con gli ospiti che mettono in campo tutta la grinta che possiedono e impegnano ripetutamente Domanico che ha l’occasione di dimostrare il suo valore, compiendo diversi miracoli.
Il pareggio arriva all’89′ dopo un’azione convulsa che si risolve con la palla che finisce sui piedi di Aloe il quale, a porta vuota, insacca il pallone. Forti proteste dei padroni di casa per un sospetto fuorigioco dello stesso numero 11 ospite.
La partita finisce qui e il Grottammare può dare appuntamento ai suoi tifosi alla prossima stagione. Ancora in serie D.
Per pagelle e interviste vi rimandiamo al numero 677 di Riviera Oggi, in edicola lunedì 7 maggio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 631 volte, 1 oggi)