SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Sulle parole espresse da Desideri non ho commenti da rilasciare». Laconico e, probabilmente, un po’ turbato, il presidente della Samb Gianni Tormenti non intende esprimere i suoi pensieri riguardo la conferenza stampa del giocatore rossoblu (che oggi, mercoledì, è comunque tornato ad allenarsi previo accordo tra l’allenatore Ugolotti e il direttore sportivo Peppino Pavone), che, in mattinata, ha ricostruito per filo e per segno la “sua” versione relativa al trasferimento al Bari.

Ma anzi Tormenti, probabilmente, ha qualche dubbio sulla versione fornita da Desideri: «Voi che fate i giornalisti, dovreste verificare se a Bari confermano quelle parole. Ad ogni modo io mi sono congratulato con Desideri per quanto fatto con la Samb e gli ho fatto il mio “in bocca al lupo”».

CONFERENZA STAMPA Ad ogni modo, giovedì sia il presidente Tormenti che il direttore generale Claudio Molinari parleranno alla stampa: lo stesso Molinari, di ritorno a San Benedetto, ci ha contattato nella serata di mercoledì 2 maggio per dire che «parleremo in maniera limpida, non abbiamo nulla da nascondere».

Molinari afferma che «non avevamo alcuna informazione, da parte di Desideri, della sua firma apposta sul contratto con il Bari. Io sapevo che era in trattativa e proprio per questo avevo dato il mio assenso: venerdì scorso sono stato a Bari dove mi sono incontrato con Carlo Regalia, un uomo vicino alla dirigenza barese, dove mi ero accordato per far venire a San Benedetto, in cambio di Desideri, alcuni calciatori del Bari. Per quale motivo sarei andato a Bari, se avessi avuto la certezza che Desideri aveva già firmato con la società pugliese?»

Secondo Molinari, dunque, il Bari «voleva ricompensare in parte la Samb per la maturazione del calciatore». Ma il direttore generale rossoblu va oltre: «Al nostro calciatore abbiamo proposto un contratto quinquennale, prevedendo di lasciarlo andare in prestito al Bari l’anno prossimo, concedendo ai pugliesi il diritto di riscatto. Ripeto, ne parleremo giovedì con calma e tranquillità, ma occorre fare chiarezza».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.471 volte, 1 oggi)