ASCOLI PICENO – Resta in carcere il rom 22enne Marco Ahmetovic che lunedì 23 aprile ha ucciso travolgendoli con il suo furgone quattro ragazzi ad Appignano del Tronto. Il gip ha convalidato l’arresto per omicidio colposo e resistenza. La pena, nel caso di morte di più persone prevede un aumento della stessa di tre volte, fino a raggiungere i 12 anni di reclusione.

«Non ricordo niente – ha detto al magistrato il nomade – mi dispiace tanto per quello che è accaduto, sono pentito. Avrò questo rimorso per tutta la vita. Quei ragazzi li conoscevo, con Eleonora poi sono andato a scuola alle medie».

Il giovane avrebbe rivelato che la sera dell’incidente si sarebbe ubriacato dopo aver appreso la notizia che la figlia di due anni è malata di leucemia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.169 volte, 1 oggi)