GROTTAMMARE – Daniele Amaolo, al termine del derby con la Pergolese, conclusosi in parità, tutto sommato vede il bicchiere mezzo pieno: «Con l’organico che abbiamo non possiamo pretendere di più. Puglia si è fatto mal dopo 20”, Traini è stato espulso alla fine del primo tempo, avevamo Fanesi che veniva da una settimana di influenza, insomma le chance di vincere questa partita erano poche».
«Il punto può contare molto ma anche poco – continua l’allenatore del Grottammare – Dipende da quello che faremo nelle prossime gare. E’ chiaro che la salvezza si deciderà all’ultima giornata. Fare i conti con la classifica degli altri non mi è mai piaciuto, non ci sono più i rapporti di forza tra le squadre, ormai tutti possono vincere o perdere contro tutti».
Poi una occhiata al prossimo impegno, sul campo del Tolentino: «Ci aspetta una gara difficile, dovremo andare a fare la nostra partita cercando di intascare tre punti. Recupereremo giocatori importanti, anche se oggi si è fermato Puglia e perderemo per squalifica Traini».
Il presidente Amedeo Pignotti commenta con un pizzico d’amarezza: «Oggi era una giornata importante, questa partita dovevamo vincerla, ma per come si è messa sin dall’inizio è stato fondamentale non perdere. Alla fine ho cercato di rincuorare i ragazzi dicendo loro che devono stare tranquilli. Ora ci aspettano due partite importanti e servirà la massima concentrazione».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 374 volte, 1 oggi)