SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Parlare di resistenze in questo periodo in cui c’è il tentativo di allontanarsi da quegli anni è un modo per iniziare a chiamare le cose col proprio nome. È un modo per ricordare e festeggiare il 25 aprile». La dice tutta l’esordio del Sindaco di San Benedetto, Giovanni Gaspari, alla presentazione del libro “Tango e gli altri“, scritto dalle quattro mani del cantautore Francesco Guccini e dell’autore teatrale Loriano Macchiavelli.

Guccini ha alle spalle la realizzazione di ben 19 LP per quarant’anni di attività, mentre i testi di Macchiavelli sono stati segnalati in vari premi teatrali.

“Tango e gli altri” è il loro quarto libro, nato dalla stretta collaborazione fra i due emiliani: «Quando scriviamo – spiega Guccini – ci dividiamo il lavoro: io scrivo un capitolo e Loriano un altro, poi ce li passiamo e li modifichiamo, e così via finché non li riteniamo “adatti alla pubblicazione”».

«È un giallo che però, pur essendo complesso, – asserisce l’assessore alla Cultura Margherita Sorge – assomiglia alla trama di un film, è molto lineare».

A questo proposito, scherzando, Macchiavelli afferma che «anche se di trecento pagine, “i superstiti” l’hanno letto in due giorni».

Dopo la presentazione, durante la cena al ristorante Barone Rosso di Ripatransone, molti gli omaggi nostrani ai due artisti, da parte delle autorità locali, dal portavoce Paolo D’Erasmo, Sindaco di Ripatransone: una confezioni di vini locali, il libro “Bussavamo coi piedi – Appunti e immagini di una migrazione . Dall’entroterra ascolano verso la Romagna e la Toscana” Di Pietroneno Capitani, e – consegnata dall’Assessore provinciale Ubaldo Maroni – una bottiglia di Vinsanto del ’71.

Durante la serata dal clima amichevole, una dichiarazione (che farà felice molti fan) dal Sindaco Gaspari: «Francesco Guccini tornerà a San Benedetto ad ottobre, come cantante».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.745 volte, 1 oggi)