SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Se avessi avuto problemi di natura politica, avrei detto al presidente della Multiservizi di non partecipare all’assemblea dei soci». Per Giovanni Gaspari la presidenza della Start al Repubblicano Europeo Arrigo Silvestri è «una decisione pienamente condivisa con il presidente della Provincia Massimo Rossi».
Le dure critiche provenienti da esponenti di An a San Benedetto e dal sindaco Celani ad Ascoli non terrebbero conto della presenza di Salvatore Nico in sede di assemblea dei soci dell’azienda. Il presidente della Multiservizi (società municipalizzata del Comune di San Benedetto che detiene il 22% delle quote della Start) «non avrebbe ratificato le nomine se non fossero state condivise – si difende Gaspari – e in quel caso ci sarebbe stato un problema politico serio. Per mio conto, non ho partecipato all’assemblea perchè impegnato in consiglio comunale».
Gaspari spiega di aver pensato a chiedere un rinvio dell’assemblea («non ho nascosto al sindaco Celani che c’erano delle questioni politiche aperte») ma di aver desistito di comune accordo con Massimo Rossi a causa dei tempi troppo lunghi comportati da un eventuale rinvio.

In merito al disagio manifestato dal segretario provinciale dei Ds Mauro Gionni («basta con riunioni che puntano solo a decidere i nomi per le poltrone») Gaspari commenta: «Ai partiti non compete la scelta dei nomi ma la visione globale sulla politica di un ente. E Silvestri sarà in grado di imprimere l’inversione di marcia che noi vogliamo».

Il Comune di San Benedetto – detentore di un 7% del capitale azionario, più il 22% detenuto dalla Multiservizi – avrà ancora più rappresentanza nella Start quando a fine 2007 ci sarà la fusione dei due rami aziendali che si occupano di reti e di servizi. «Con l’assetto definitivo usciremo rafforzati», dice Gaspari, che restituisce un po’ di veleno ai critici del centrodestra. «Sono arrabbiati perché hanno perso potere, auguro loro di superare al più presto questo stato d’animo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 641 volte, 1 oggi)