GROTTAMMARE – Alle 11,45 di domenica 22 aprile, di fronte all’Hotel Velia, un piccolo velivolo monomotore da turismo è caduto in mare poco oltre la barriera degli scogli. Alla guida era il signor Giovanni Collini, sessantenne in pensione, uscito fortunatamente illeso dall’incidente (clicca qui per vedere le immagini). Era partito dall’aviosuperficie Bore di Chienti di Corridonia.
«L’aereo procedeva da sud verso nord – spiega Domenico Ricci della Protezione Civile di San Benedetto – quando, forse per un’avaria, è caduto in mare».

Ma Collini, riportato a riva, ha dato una diversa versione: «Non è stata un’avaria, il motore ha singhiozzato e poi si è spento. Ho cercato di “stallare” per non cadere di punta, così da poter ammarare il più dolcemente possibile».

Diversi i testimoni oculari. Massimo Egidi ha assistito alla scena e subito, assieme ai suoi amici, ha raggiunto il posto con un’imbarcazione: «Fortunatamente abbiamo subito constatato che era vivo, era aggrappato alla punta del velivolo, spaventato ma salvo. Un uomo della Capitaneria di porto, che si trovava in zona, è arrivato a nuoto».

Ci sono volute diverse ore per tirare a riva il velivolo. L’operazione si è conclusa intorno alle 16. Prima il relitto è stato trainato con un gommone vicino alla foce del fiume Tesino. Poi i mezzi dei Vigili del fuoco lo hanno tirato in secca.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.131 volte, 1 oggi)