SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tre cittadini romeni sono stati arrestati poche ore dopo aver commesso un furto presso il bar Garden in via Forlanini. I tre si erano introdotti in piena notte nel locale scassinando la porta d’ingresso e avevano forzato la cassa e i videopoker, ottenendo un bottino di 900 euro.
Erano a bordo di un’auto station wagon quando una Volante della Polizia di Stato li ha fermati per un normale controllo sulla statale Adriatica, in direzione del casello autostradale di San Benedetto. Gli agenti hanno subito notato alcuni attrezzi da scasso all’interno dell’autovettura e hanno eseguito una perquisizione.
Nel vano motore dell’auto era stato nascosto un sacchetto contenente la refurtiva. L’auto, intestata a un presunto cugino dei tre uomini, è stata subito sequestrata e sono scattate le manette per Dumitri Cristian (36 anni), Cristinel Kurilla (25 anni) e Tudor Diorel (46 anni).
I tre risultano essere pregiudicati e finora gli uomini della Polizia non sono riusciti a risalire al loro luogo di residenza.
Il titolare del bar era ancora ignaro dell’avvenuto furto quando è stato avvertito dalla Polizia di Stato. I romeni hanno subito confessato ai poliziotti il luogo dove avevano compiuto il furto.
Guardando le foto segnaletiche dei ladri il barista ha ricordato di averli visti la sera precedente del furto all’interno del proprio locale. I tre avevano trascorso diverso tempo nel bar e avevano fatto diverse consumazioni. In realtà stavano verificando la presenza di sistemi d’allarme all’interno.
Ora si cerca di ricostruire quali altri locali siano state vittime dei furti di Cristian, Kurilla e Diorel, dato che si è ricostruito con certezza che i tre hanno agito con modalità simili nelle Marche e nel vicino Abruzzo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 946 volte, 1 oggi)