ALBA ADRIATICA – La mancata conferma di un impegno di matrimonio con una connazionale è la causa del tentato omicidio di un imprenditore cinese, avvenuto lo scorso 10 febbraio in un’agenzia di viaggi di Alba Adriatica.

Il pm di Teramo ha emesso due ordinanze di custodia cautelare per due cittadini cinesi che, dopo il fatto si sono rifugiati all’estero. Vittima della violenta aggressione fu il titolare dell’agenzia, rimasto in coma profondo per 10 giorni per le gravi ferite riportate per essere stato preso a martellate dai due connazionali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 501 volte, 1 oggi)