SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Mi dispiace manchino solo quattro partite alla fine del campionato. La Samb attuale se avesse avuto qualche punto in più in classifica avrebbe potuto sperare in qualcosa di grande».
Gianni Tormenti ha ragione: la formazione rossoblu è in splendida forma e in questo momento poche squadre, almeno sulla carta, sarebbero capaci di tenerle testa.
Dopo il Ravenna capolista intanto la banda Ugolotti si è tolta lo sfizio di fare lo sgambetto alla Juve Stabia, in serie utile da quattro mesi e mezzo (l’ultima sconfitta delle “vespe” a Cava dei Tirreni, lo scorso 3 dicembre).
«Il settimo posto? Siamo distanti 5 punti, ce ne sono ancora 12 in palio: vediamo alla fine quello che succede. I play off forse sono troppo distanti, però può succedere di tutto. Dipenderà anche dall’atteggiamento con il quale scenderemo in campo», sintetizza il presidente rossoblu.
Che poi continua: «Dopo la gara contro il Ravenna e quella di stasera abbiamo dimostrato di poter fare punti contro chiunque. Il mister questa partita l’ha preparata molto bene, anche perché sapeva che alla Juve Stabia poteva andar bene un pari in virtù dei risultati di domenica. Siamo stati bravi ad aspettarli e a ripartire. Se pensavo a un’altra grande prestazione? Vedo i ragazzi allenarsi tutti i giorni, quindi so bene che hanno preso coscienza della loro forza».
Una battuta su un possibile “premio a obiettivo” per la squadra. «Vedremo. Diciamo che qualcosa bolle in pentola: sarà eventualmente un discorso da fare con i giocatori e lo staff tecnico. Ci tengo infine a ringraziare il pubblico, meraviglioso come sempre. Del resto ci hanno sostenuto anche quando eravamo nel baratro».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 751 volte, 1 oggi)